Per gli antichi Greci e Romani i diamanti erano le lacrime degli dei e i frammenti di stelle cadenti, gli Indù, addirittura, incastonavano i diamanti negli occhi di alcune loro statue.
Secondo la tradizione il diamante ha la proprietà di sciogliere gli incantesimi o rivelare la verità, ma può perdere per sempre questa proprietà qualora venisse usato in maniera impropria.

diamante
un diamante grezzo

Il Diamante si forma attraverso la rapida metamorfosi del carbonio che avviene grazie all’elevata temperatura e pressione che esso subisce nelle viscere della terra. Grazie alle eruzioni vulcaniche, seguendo la lava, il minerale raggiunge la superficie. La massa lavica forma le cosi dette rocce kimberlitiche all’interno delle quali la preziosa gemma è ritrovata.

cenni storici sul diamante

A lungo chiamato “il Re delle gemme” e “il cristallo della luce”, il Diamante detiene ancora oggi il primato tra le pietre e i minerali più preziosi esistenti al mondo. Purtroppo però il mondo, specialmente l’occidente, pare essersi dimenticato dei suoi infiniti doni e lo ha trasformato in un simbolo di potere economico.

Vuole la leggenda che lo spirito o genio tutelare che vive nel diamante fugga via se la sua dimora è comprata e venduta, se viene dato un prezzo alle sue virtù. Come molte pietre e altri oggetti e strumenti esoterici, ciò che convincerebbe il genio a prestare i suoi poteri a chi indossa la pietra sarebbe un atto di generosità. Se il Diamante ci viene regalato da una persona che ci ama esso sarà veicolo di questo amore capace di compiere prodigi.

Si narra che il Dio delle miniere un giorno abbia raccolto tutte le pietre preziose a sua disposizione e unendole abbia creato il primo diamante. Esso è infatti incolore ma, se esposto alla luce, rivela i colori di tutte le pietre che lo compongono. Oltre a contenerne i Colori ne conterebbe logicamente tutte le doti.

Come sempre le antiche leggende si rivelano uno strumento poetico e romantico per ritornare a guardare il mondo con incanto, come solo un bambino o un illuminato sa fare.

proprietà del diamante

Per la sua formazione a partire dal carbonio e per il fatto che mostra la sua completa bellezza solo se lavorato, il Diamante è simbolo del percorso alchemico di risveglio e trasmutazione che l’anima dell’uomo deve compiere per congiungersi con il Divino.

Gli antichi credevano che portasse a chi lo indossava, specialmente se incastonato nell’oro sul braccio o sulla mano sinistra, potere, fortuna, ricchezza, amore, salute, vittoria, protezione dai veleni e dai sortilegi. Pregare o dedicarsi al culto di una divinità con questa gemma permetteva di guadagnare il favore degli dei e raggiungere uno stato di illuminazione.

il Diamante è in grado di amplificare le emozioni e le energie di chiunque lo indossi. Per questo motivo è sconsigliato portarlo quando si provano sentimenti particolarmente conflittuali.

Essendo un cristallo purificatore è adatto per stimolare l’attività degli organi escretori, è più in generale un maestro di guarigione perché permette l’integrazione di corpo e spirito. È indicato quando si cerca di conoscere meglio se stessi e si vogliono effettuare dei cambiamenti nella propria vita. Agisce beneficamente sull’intero sistema nervoso e sul cervello.

Apporta gioia, luce e leggerezza all’animo, facilitando l’eliminazione di materiale emotivo che è ormai tempo di trasformare. Permette, inoltre, di cogliere i rapporti tra le cose più diverse.

Ci aiuta a accettare il compito della nostra anima e a proseguire il nostro cammino spirituale, ci connette al Divino riempiendo i nostri vuoti interiori di pura luce. Ci invita a comprendere la saggezza della nostra anima e a sviluppare maggiore padronanza di noi stessi, dei nostri stati d’animo e delle nostre decisioni.


torna all’elenco delle pietre nella sezione dedicata alla magia dei cristalli