Homesignificato dei tarocchi : guida all’interpretazione degli arcani

sono moltissime le persone che ogni giorno vogliono conoscere il significato dei tarocchi, per apprenderne i segreti, le interpretazioni e le simbologie ad essi legati.
in questo articolo dedicato a tutti gli arcani dei tarocchi sarà possibile conoscerne gli aspetti i segreti e i loro significati.

cosa sono i tarocchi?

I tarocchi nascono come mazzo di carte da gioco, generalmente composto da 78 carte.
L’origine più diffusa risale  risale alla metà del XV secolo nell’Italia settentrionale, dove essi venivano impiegati per i giochi di presa.

l’associazione moderna dei Tarocchi con la cartomanzia ha origine Antoine Court de Gébelin, un ecclesiastico francese, che per primo li associò all’Antico Egitto  in una dissertazione del volume VIII dell’opera Le Monde primitif nel 1781.
In questo trattarello egli ipotizza che le carte fossero una rappresentazione simbolica creata dai sacerdoti egiziani, che l’avrebbero mimetizzata all’interno di alcuni simboli dal carattere “archetipo”.
Secondo questa teoria le carte sarebbero state portate nella Roma Imperiale e seguito secoli dopo i papi ad Avignone diffondendosi da qui nel resto in Provenza e nel resto della Francia.

significato dei tarocchi
le immagine dei tarocchi si sono evolute tantissimo e sono nati nuovi mazzi con nuovi significati

Sebbene l’antica lingua egizia non fosse ancora stata decifrata, de Gébelin affermava che il nome “tarocchi” venisse dalle parole egizie Tar, “sentiero” o “strada”, e Ro, Ros o Rog, significante “re” o “reale”, e che “tarocchi” letteralmente significasse “strada reale della vita”.
 I successivi (veri) egittologi non trovarono nella lingua dei faraoni alcunché a sostegno delle congetture etimologiche di de Gébelin. Malgrado l’assenza di prove, la credenza che le carte dei tarocchi abbiano un legame con i libri di Thot dell’antico Egitto è viva tuttora.

i tarocchi conobbero un nuovo impulso nella metà dell’Ottocento con l’occultista Eliphas Lévi, che indicò la loro origine nella Cabala ebraica.
Negli anni a cavallo tra la fine dell’Ottocento ed i primi del Novecento le dottrine esoteriche sui tarocchi furono fissate definitivamente dagli occultisti francesi Papus e Oswald Wirth in una serie di celebri opere ancora in auge.
Nei primi decenni del Novecento la “Scuola francese dei Tarocchi” cominciò ad essere soppiantata dalla “Scuola inglese” nata in seno all’Ordine Ermetico dell’Alba Dorata.

l’origine del nome “Tarocco”

L’origine del termine “tarocco” è tuttora ignota, sebbene siano state avanzate alcune congetture, tra cui che potrebbe derivare dal processo di decorazione delle carte, dal nome del fiume Taro, un affluente del Po nel territorio Parmense.
Nel tentativo di sostenere un’origine antica dei tarocchi alcune ipotesi esoteriche ipotizzano connessioni con antiche civiltà o con termini della Cabala, per esempio Antoine Court de Gébelin ipotizzò che derivasse dall’egiziano “Ta-Rosh” (“via regale”), Samuel Liddell MacGregor Mathers che derivasse dall’egiziano “taru” (che significherebbe “consultare”) mentre per Gérard Encausse da un tetragramma cabalistico (“Tora”, “Rota” o altre varianti.).

Il mazzo dei tarocchi

Il tipico mazzo di tarocchi è composto da un mazzo di carte tradizionali a cui si aggiungono ventuno carte dette Trionfi e una carta singola detta Il Matto.
 Il mazzo di carte tradizionali è diviso in quattro semi (italiani o francesi) di quattordici carte, dall’asso al dieci più quattro figure, dette anche “onori” o “carte di corte”: Re, Regina, Cavaliere e Fante.

I trionfi sono generalmente illustrati con figure umane, animali e mitologiche e numerati da 1 a 21, spesso in numeri romani). Esistono varianti in cui il numero di carte viene ridotto, per esempio il tarocchino bolognese o il tarocco siciliano, o aumentato come nelle minchiate.

Nella terminologia introdotta dalle teorie esoteriche i Trionfi e il Matto sono detti collettivamente arcani maggiori e le altre carte arcani minori.

significato tarocchi arcani maggiori
una rappresentazione moderna della papessa

Il significato dei tarocchi :gli Arcani maggiori

Gli arcani maggiori o trionfi sono un gruppo di carte dei tarocchi, solitamente i più conosciuti e iconografici, infatti a questo gruppo appartengono : il mago, l’imperatrice , la ruota della fortuna, il diavolo, il mondo…

Nei mazzi tradizionali sono ventuno carte, generalmente numerate da 1 a 21, più il Matto, che nel gioco di carte e a seconda del mazzo e dell’autore può ricoprire diversi significati.
Nella cartomanzia i Trionfi costituiscono le carte più dense di significato esoterico, spesso associati alla qabbalah ebraica, nell’ albero delle sephirot , alle operazioni alchemiche e a particolari associazioni astrologiche

in particolare il significato degli arcani maggiori (ma anche dei minori) è ascrivibile in moltissimi ambienti esoterici di natura iniziatica come l’astrologia, l’alchimia e le loro simbologie devono essere ricercate non solo all’interno di questi ambienti all’interno di manuali o grimori riservati ,a ma anche all’interno dell’iconografia  e della simbologia iniziatica della arti liberali, ovvero quelle dottrine o scienze che nell’antichità e nel medioevo costituivano il sapere necessario per poter esseri accettati agli studi superiori e alle scuole ermetiche (le scuole che trattavano di esoterismo)

in questa guida agli arcani maggiori vengono descritti e indicizzati tutti i 22 arcani maggiori presenti all’interno del mazzo dei tarocchi:

il significato dei tarocchi : gli arcani minori

se il significato degli arcani maggiori dei tarocchi è riferibile alle virtù più superiori e trascendenti, il significato degli arcani minori è identificabile nelle virtù più elementari ed elementali (riferite ai 4 elementi).

essi sono suddivisi in 4 sottogruppi chiamati semi, ogni seme è rappresentato da un simbolo: una coppa per il seme di coppe, un disco d’oro per il seme di denari, una spada per il bastone di spade e un bastone per ogni bastone.
Dagli arcani minori dei tarocchi derivano le moderne carte da gioco, sia quelle cosiddette da briscola sia quelle cosiddette da ramino, e anche le sibille dove è rappresentato in maniera simile agli arcani minori lo svolgersi delle vita.

nella guida agli arcani minori spiego nel dettaglio il significato di ogni singola carta le virtù che le appartengono e anche il significato dei semi dei tarocchi:

SEME DI COPPE il seme di coppe
Asso Due Tre Quattro Cinque Sei Sette Otto Nove Dieci
Fante Cavaliere Regina Re

SEME DI DENARI il seme di denari
Asso Due Tre Quattro Cinque Sei Sette Otto Nove Dieci
Fante Cavaliere Regina Re

SEME DI BASTONI il seme di bastoni
Asso Due Tre Quattro Cinque Sei Sette Otto Nove Dieci
Fante Cavaliere Regina Re

SEME DI SPADE il seme di spade
Asso Due Tre Quattro Cinque Sei Sette Otto Nove Dieci
Fante Cavaliere Regina Re

come hai potuto leggere da questo articoli sono moltissimi gli elementi che compongono il significato dei tarocchi, delle carte e della simbologia ad essi correlati.
Lo studio di questa particolare forma di divinazione richiede molto tempo per poter essere appresa, tuttavia attraverso i link e i documenti presenti in questo articolo, avrai a disposizione moltissimo materiale per poter migliorare e conoscere meglio questo stupendo strumento!


torna alla sezione sui tarocchi


riferimenti sitografici: