Homegli 8 sabba della ruota dell’annoil Sabba di Yuleorigini pagane della festa di Santa Lucia

La festa di Santa Lucia che cade nel 13 dicembre ha sempre affascinato gli studiosi, ed una delle feste natalizie più sentite in molti regioni d’europa.
Ma quali sono le origini di questo culto?

santa lucia svezia
festeggiamenti di santa lucia in svezia

storia e origini della festa di Santa Lucia

Quello che è attestato ovviamente è che nel giorno 13 dicembre la santa morisse a siracusa, tanto da venir celebrata e ricordata nella tradizione cristiana (citata anche nella divina commedia dantesca). Tuttavia pare che il culto alla santa servisse a soppiantare tradizioni pagane sopravissute nell’area padana nel periodo del solstizio d’inverno, visto che prima che il calendario gregoraino venisse riformato escludendo alcuni giorni, il 13 dicembre coincideva con la notte più lunga dell’anno.

Tuttavia  e molto incerto quali fossero le origini del culto, alcuni gruppi neopagani vorrebbero far risalire il culto alla tradizione di yule in onore delle nuovi luci testimoninado che il nome lucia (femminile di lucius/lucifero radice lux nome dato ai bambini nati alle prime luci dell’alba) fosse in onore della nuova luce.

Tuttavia è lecito credere che se vi fosse una corrispondenza pagana questa non vada trovata nella “luce” ma “nell’ ombra” della notte più lunga dell’anno festeggiata dai popoli germanici come modraniht, quindi è ipotizzabile che durante la conquista normanna i popoli nordici portarono con se tratti della loro cultura in sicilia tanto che ancora oggi in svezia viene eletta una rappresentante della santa che partecipa alla processione di siracusa.( anche se è attestano che la conquista normanna sia del 1010 e la santa morì circa nel 300 d.c.)

Quel che certo è che probabilmente Lucia è una trasposizione della greca Artemide, visto che proprio nella città di siracusa si offrisse culto sin dal periodo Classico, a questa dea e che il suo numero sacro fosse proprio il numero 13.

Agiografia della  Santa

L’agiografia di Lucia è tramandata da due antiche e distinte fonti quali una Passio del codice greco Papadoupolos e gli Atti dei Martiri entrambi risalenti alla fine del V secolo; essa narra di una giovane nata sul finire del III secolo, appartenente ad una nobile famiglia cristiana di Syracusæ, orfana di padre dall’età di cinque anni e promessa in sposa a un pagano seppur in segreto voto di verginità. La madre di Lucia, Eutychia, da anni ammalata di emorragie, aveva speso ingenti somme per curarsi, ma nulla le giovava. Allora Lucia ed Eutychia si recarono in pellegrinaggio al sepolcro di sant’Agata, catanese martire nel 231, pregandola di intercedere per la guarigione. A Catania, il 5 febbraio dell’anno 301, dies natalis di sant’Agata, Lucia si assopì durante la preghiera e vide in sogno la santa catanese circondata da schiere angeliche dirle: “Lucia sorella mia, vergine consacrata a Dio, perché chiedi a me ciò che tu stessa puoi concedere? Infatti la tua fede ha giovato a tua madre ed ecco che è divenuta sana. E come per me è beneficata la città di Catania, così per te sarà onorata la città di Siracusa”.

Al constatare l’avvenuta guarigione di Eutychia, mentre facevano ritorno a Siracusa, Lucia esternò alla madre la sua ferma decisione di consacrarsi a Cristo, e di donare il suo patrimonio ai poveri. Per i successivi tre anni, ella visse dunque a servizio di infermi, bisognosi e vedove della città. Il pretendente, vedendo la desiderata Lucia privarsi di tutti gli averi ed essendo stato rifiutato da quest’ultima, volle vendicarsi denunciandola come cristiana. Erano infatti in vigore i decreti della feroce persecuzione dei cristiani emanati dall’imperatore Diocleziano.

Lorenzo Lotto, Santa Lucia davanti al giudice, 1532

Al processo che sostenne dinanzi al prefetto Pascasio, Lucia rifiutò l’ordine di sacrificare agli dei pagani, attestando la sua fede irremovibile e la fierezza nel proclamarsi cristiana, citando con somma erudizione i passi delle Scritture. Minacciata allora di essere condotta in un postribolo, Lucia rispose: “Il corpo si contamina solo se l’anima acconsente”.

santa lucia
Santa Lucia condotta al martirio, opera di Pietro Novelli del XVII sec.

 

Il dialogo serrato tra lei ed il magistrato vide ribaltarsi le posizioni, tanto da vedere Lucia mettere in difficoltà Pascasio. Pascasio dunque ordinò che la giovane fosse costretta con la forza, ma, come narra la tradizione, divenne miracolosamente pesante, tanto che né decine di uomini né la forza di buoi riuscirono a smuoverla. Accusata di stregoneria, Lucia allora fu cosparsa di olio, posta su legna e torturata col fuoco, ma le fiamme non la toccarono. Fu infine messa in ginocchio e finita di spada per decapitazione, o secondo le fonti latine, le fu infisso un pugnale in gola (jugulatio), nell’anno 304 all’età di ventun’anni. Morì solo dopo aver ricevuto la Comunione e profetizzato la caduta di Diocleziano e la pace per la Chiesa.

Privo di ogni fondamento e assente nelle molteplici narrazioni e tradizioni, almeno fino al secolo XV, è l’episodio in cui Lucia si sarebbe strappata – o le avrebbero cavato – gli occhi. L’emblema degli occhi sulla coppa, o sul piatto, sarebbe da ricollegarsi, più semplicemente, con la devozione popolare che l’ha sempre invocata protettrice della vista a motivo dell’etimologia del suo nome dal latino Lux, luce.

Attestata dalla testimonianza scritta di un testimone oculare è invece la fine miracolosa della carestia dell’anno 1646. Domenica 13 dicembre 1646, una quaglia fu vista volteggiare dentro il Duomo di Siracusa durante la Messa. Quando la quaglia si posò sul soglio episcopale, una voce annunciò l’arrivo al porto di un bastimento carico di frumento. Il popolo vide in quella nave la risposta data da Lucia alle tante preghiere che a lei erano state rivolte, e per la gran fame non aspettò di macinarlo ma lo consumò bollito.

La diffusione del culto

«Memoria di santa Lucia, vergine e martire, che custodì, finché visse, la lampada accesa per andare incontro allo Sposo e, a Siracusa in Sicilia condotta alla morte per Cristo, meritò di accedere con lui alle nozze del cielo e di possedere la luce che non conosce tramonto.»

Sin dal giorno della deposizione del suo corpo nelle catacombe che da lei presero il nome, Lucia venne subito venerata come santa dai siracusani e il suo sepolcro divenne meta di pellegrinaggi. Nell’introduzione al romanzo storico Lucia di René du Mesnil de Maricourt del 1858,, Ampelio Crema scrisse: «la prima e fondamentale testimonianza sull’esistenza di Lucia ci è data da un’iscrizione greca scoperta nel giugno del 1894 durante scavi archeologici del professor Paolo Orsi nella catacomba di San Giovanni, la più importante di Siracusa: essa ci mostra che, già alla fine del quarto secolo o all’inizio del quinto, un siracusano – come si deduce dall’epigrafe alla moglie Euschia – nutriva una forte e tenerissima devozione per la “sua” santa Lucia, il cui anniversario era già commemorato da una festa liturgica. Tale iscrizione è stata trovata su una sepoltura del pavimento, incisa su una lapide quadrata di marmo, misurante cm 24×22 e avente uno spessore di cm 3, tagliata irregolarmente. Le due facce della pietra erano state ricoperte di calce: ciò indica che la tomba era stata violata». Così recita l’epigrafe o iscrizione di Euschia:

«Euschia, irreprensibile, vissuta buona e pura per circa 25 anni, morì nella festa della mia santa Lucia, per la quale non vi è elogio come conviene. Cristiana, fedele, perfetta, riconoscente a suo marito di una viva gratitudine.»

Il culto di Lucia ben presto si diffuse fuori della Sicilia come dimostrano la presenza del suo nome nell’antichissimo martirologio geronimiano, la menzione nel Canone romano del­la Messa da parte di Gregorio Magno (604 d.C.), la devozione in Roma, dove vennero de­dicate in suo onore una ventina di chiese e nell’Italia settentrio­nale, dove fu effigiata a Ravenna nella Basilica di Sant’Apollinare Nuovo nella processione delle vergini. Il culto giunse anche in In­ghilterra, dove venne festeggiata fino alla Riforma protestante con una giornata in cui non era concesso lavorare, e nella chiesa Greca, dove san Giovanni Damasceno stes­so ne compose la liturgia.

santa lucia
Processione delle vergini. Mosaico della navata della Basilica di Sant’Apollinare Nuovo a Ravenna

Reliquie del suo corpo furono richieste e donate in più parti dell’Europa come in Francia e Portogallo.

la notte più lunga dell’anno

La memoria liturgica ricorre il 13 dicembre. Antecedentemente all’introduzione del calendario gregoriano (1582), la festa cadeva in prossimità del solstizio d’inverno (da qui il detto “santa Lucia il giorno più corto che ci sia”), ma non coincise più con l’adozione del nuovo calendario per una differenza di 10 giorni.
La celebrazione della festa in un giorno vicino al solstizio d’inverno è probabilmente dovuta anche alla volontà di sostituire antiche feste popolari che celebrano la luce e si festeggiano nello stesso periodo nell’emisfero nord. Altre tradizioni religiose festeggiano la luce in periodi vicini al solstizio d’inverno come ad esempio la festa di Hanukkah ebraica, che dura otto giorni come le celebrazioni per la santa a Siracusa, o la festa di Diwali celebrata in India. Il culto di santa Lucia inoltre presenta diverse affinità con il culto di Artemide, l’antica divinità greca venerata a Siracusa nell’isola di Ortigia. Ad Artemide, come a santa Lucia, erano sacre la quaglia e l’isola di Ortigia – anche chiamata Delo in onore della dea della caccia. Artemide e Lucia sono entrambe vergini. Artemide è inoltre vista anche come dea della luce mentre stringe in mano due torce accese e fiammeggianti.

Culto di Santa Lucia in Svezia

santa lucia in svezia
santa lucia in svezia

In Svezia, Lucia è molto venerata, sia dalla Chiesa cattolica che da quella luterana. I bambini preparano biscotti e dolciumi (tra questi, delle focaccine allo zafferano e all’uvetta chiamate lussekatter) a partire dal 12 dicembre. La mattina del 13, la figlia maggiore della famiglia si alza ancor prima dell’alba e si veste con un lungo abito bianco legato in vita da una cintura rossa; la testa è ornata da una corona di foglie e da sette candele utili per vedere chiaramente nel buio. Le sorelle, che indossano una camicia bianca, simboleggiano le stelle. I maschi indossano cappelli di paglia e portano lunghi bastoni decorati con stelline. La bambina vestita come santa Lucia sveglia gli altri membri della famiglia e serve loro i biscotti cucinati il giorno precedente.

Nel paese scandinavo è diffusa una tradizionale canzone di santa Lucia (Luciasången) che non è altro che la celebre “Santa Lucia” napoletana adattata con un testo in lingua svedese. In diverse città alcune bambine sfilano vestite come santa Lucia intonando il Luciasången di casa in casa.

Ogni anno viene eletta la Lucia di Svezia che raggiungerà la città siciliana di Siracusa per partecipare alla processione dell’ottava, in cui il simulacro di santa Lucia viene ricondotto in Duomo.


Riferimenti:

Leave a Reply