Il poema runico norvegese fu conservato in una copia del XVII secolo di un manoscritto duecentesco andato distrutto. Il poema runico norvegese è conservato in un metro appartenente alla poesia scaldica composto di distici esametri, ognuno dei quali contiene due affermazioni semi staccate di carattere sentenzioso.

 

norvegese antico

runnsssFé vældr frænda róge;
føðesk ulfr í skóge.

Úr er af illu jarne;
opt løypr ræinn á hjarne.

Þurs vældr kvinna kvillu;
kátr værðr fár af illu.

Óss er flæstra færða
fo,r; en skalpr er sværða.

Ræið kveða rossom væsta;
Reginn sló sværðet bæzta.

Kaun er barna bo,lvan;
bo,l gørver nán fo,lvan.

Hagall er kaldastr korna;
Kristr skóp hæimenn forna.

Nauðr gerer næppa koste;
nøktan kælr í froste.

Ís ko,llum brú bræiða;
blindan þarf at læiða.

Ár er gumna góðe;
get ek at o,rr var Fróðe.

Sól er landa ljóme;
lúti ek helgum dóme.

Týr er æinendr ása;
opt værðr smiðr blása.

Bjarkan er laufgrønstr líma;
Loki bar flærða tíma.

Maðr er moldar auki;
mikil er græip á hauki.

Lo,gr er, fællr ór fjalle
foss; en gull ero nosser.

Ýr er vetrgrønstr viða;
vænt er, er brennr, at sviða.

traduzione

La ricchezza è una fonte di discordia fra parenti;
il lupo vive nella foresta.

La scoria viene dal ferro difettoso;
la renna corre spesso sopra la neve ghiacciata.

Il gigante procura tormento alle donne;
la sventura rende pochi uomini sereni.

L’estuario è il percorso di molti viaggi;
ma un fodero è quello delle spade.

Cavalcare si dice che sia la cosa peggiore per i cavalli;
Reginn ha forgiato la spada più bella.

L’ulcera è mortale per i bambini;
la morte rende un corpo pallido.

La grandine è il grano più freddo;
Cristo ha generato il mondo dei vecchi.

Il vincolo dà la scelta limitata;
un uomo nudo è raffreddato dal gelo.

Ghiaccio chiamiamo l’ampio ponte;
l’uomo cieco deve essere condotto.

L’abbondanza è un favore agli uomini;
dico che Frothi fosse generoso.

Il sole è la luce del mondo;
mi inchino al disegno divino.

Tyr è il dio monco;
spesso il fabbro deve soffiare.

La betulla ha le foglie più verdi di tutti gli arbusti;
Loki era fortunato nella sua astuzia.

L’uomo è la crescita della polvere;
grande è l’artiglio del falco.

Una cascata è un fiume che cade da un fianco di una montagna;
ma gli ornamenti sono d’oro.

Il tasso è il più verde degli alberi d’inverno;
non crèpita quando brucia.

leggi gli altri poemi runici


ISCRIVITI alla mia news-letter!!

Condivi l'articolo su facebook! hai dei suggerimenti ?
contattami!

Lascia un commento