“qui sono, qui ritornerò”

LA festa del solstizio d’estate (21 giugno solare, 24 giugno ), porta i significati della massima elevazione solare, festa strettamente legata al lavoro dei campi e della natura, rappresenta il raggiungimento della massima vetta, della massima mascolinità solare, e anche il futuro declino del sole stesso.
In molte tradizioni (insieme al solstizio d’inverno) rappresenta una delle festività più importanti dell’anno, dove la giornata più lunga dell’anno rappresenta la vittoria della luce (intelletto) sull’ignoranza.

vecchio articol otratto dall’ex forum

http://lamagiaditemplumdianae.forumcommunity.net/?t=56463854

0