guida all'uso delle pietre preziose e dei cristalli

Magia e Cristalli nell’arte esoterica: un viaggio tra moda storia e scienza

Le pietre e i cristalli oggi

Oggi siamo abituati a vedere i cristalli e le pietre preziose, nelle bancarelle delle sagre folk e a tema esoterico, siamo sempre più abituati a utilizzarli come ciondoli o come monili preziosi nel tentativo di agurarci la buona sorte o altre particolari capacità.
Siamo anche abituati al loro utilizzo dal punto di vista terapeutico ed olistico, spesso abbinati a pratiche Orientali, o di Neo – sciamanesimo e infine non è raro vederli anche negli ambienti di occultismo e magia, spesso utilizzati per esorcismi e purificazioni.
Ma quanto di quello che vine proposto è realtà, moda o semplice marketing?

Le Pietre in Esoterismo

Il concetto di “pietra” è un soggetto assai utilizzato negli ambienti di riflessione esoterica, tanto anche la stessa chiesa cattolica romana edifica il proprio sapere “esoterico” sull’ambivalenza tra Pietro e Pietra.
Anche le scuole di pensiero Alchemico, e la Libera Muratoria (Massoneria) fondano la propria filosofia sul potere della “pietra Grezza” e “pietra perfetta” o pietra Filosofale (lapidis Philosophorum ), volendo rappresentare l’uomo o aspirante tale come una pietra preziosa che viene estratta nella sua forma più grezza da una miniera, e lavorata da mani sapienti di un Mastro Artigiano, fino al raggiungimento del suo massimo perfezionamento attraverso gradi ben precisi.

L’origine di questa tipica associazione deriva dalla duplice coscienza che:

– Anche le più grandi meraviglie del mondo edificate in pietra, sono realizzate con milioni di mattoni ottenuti da materie grezze, spesso di poco valore.

-le pietre, le rocce e i cristalli sono tra gli elementi più antichi e primordaili del nostro pianeta, essi conservano memorie e saperi, brutali quanto raffinati,  in grado di donare grande potere a chi li sa apprezzare….

(Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà – Bernardo Di Clairvaux)

Le pietre nella tradizione Magico Pagana

Oggi sono molte le scuole neo-pagane e di neo-sciamanesimo che promuovono l’utilzzo dei cristalli all’interno della proprie sedi, spesso con pratiche e associazioni che paiono collimare con i rituali e le pratiche proproste nelle scuole olistiche di stampo new-age.

Tuttavia le cronache degli antichi, e i reperti storici trovati in tombe o grazie alcuni scritti si è riusciti a scopirre che effettivamente alcune pietre minerali venivano utilizzate in alcuni procedimento di tipo magico, nell’evocazione di entità “primordiali”, o in rituali di tipo negromantico, attraverso il lavoro con gli spiriti della natura  e i defunti.
Pare che anche il druidismo celtico irlandese,  eriditando pratiche delle popolazioni pre-celtiche in Irlanda, facesse uso di quarzi e graniti (in rituali ovviamente estremi) associati allo spiritismo.
Un’ulteriore esempio dell’utilizzo dei quarzi, lo troviamo nel sistema di tombe di New Grange (3000 a.c. circa) in irlanda, dove il tumolo pare fosse ricoperto di quarzi (oggi conservati nei musei oppure razziati dai vikinghi).
Sulla linea di queste ricerche alcuni studiosi sono arrivati a supporre che gli stessi sciamani germanici, utilizzassero le pietre, quarzi e calciti nel lavoro necromantico-spiritico forse con modalità differenti a quelle druidiche ma in maniera del tutto simile.
Quello che è certo è che la maggior parte dei cristalli fossero impiegati nella magia della morte, sottintendendo connotati diametralmente opposti a quelli proposti oggi, e sicuramente non furono utilizzati nella costruzione di rune, dove personalmente ne sconsiglio l’utilizzo.

Lo studio dei cristalli

Da quelli che furono i rituali degli antichi, passando attraverso l’utilizzo magico greco-egizio di alcuni minerali (come l’ossidiana), o alle associazioni astrologiche attraverso gli studi dei filosofi ( sapientemente dizionati da Agrippa), l’utilizzo dei cristalli ad oggi si è notevolemnte raffinato, e se le associazioni spesso proposte sono di tipo dozzinale con semplici associazioni in base al colore/chakra; quella che era la scuola degli antichi, oggi può essere fortemente valorizzata attraverso lo studio della composizione chimica e minerale nonchè attraverso la configurazione elettronica degli elementi stessi.
Sono proprio questi tipi di studi che verranno analizzati e considerati all’inerno degli articoli.


ISCRIVITI alla mia news-letter!!

Condivi l'articolo su facebook! hai dei suggerimenti ?
contattami!