La Papessa sta per le nostre forze inconsapevoli, per la nostra sensibilità, la nostra ricezione e per una certezza spesso inspiegabile, ma profondamente radicata. E’ la chiave verso una verità misteriosa. Lei sa che la verità che noi possiamo pronunciare, non è la verità eterna. Con i suoi lati positivi, esprime la pazienza, la comprensione, l’indulgenza, la bontà e la disponibilità a perdonare;inoltre, in veste di soccorritrice, guaritrice, impiega il potere delle forze inconsce per il bene del prossimo. I suoi lati negativi, invece, corrispondono all’archetipo della strega che usa le sue forze interiori a danno degli altri. Nell’interpretazione dei Tarocchi però è sempre stato evidenziato il suo lato gentile e caritatevole.

la papessa

parole chiave

* Intuizione

* Studio

* Purezza

* Pazienza

* Conoscenza

Descrizione

La Papessa è una sacerdotessa seduta su un trono di pietra. La figura si trova fra due pilastri: su quello nero vi è la lettera B, mentre su quello bianco la lettera J. Dietro di lei, una tenda copre la vista di un paesaggio in cui intravediamo dell’acqua.

Ai suoi piedi vi è la falce della luna crescente. La sua veste è morbida, di un tenue colore blu e bianco. In grembo tiene un rotolo recante la scritta TORA. Il suo copricapo è composto da un cerchio centrale e due falci laterali. Sul petto vediamo una croce.

Ai suoi piedi vi è la falce della luna crescente. La sua veste è morbida, di un tenue colore blu e bianco. In grembo tiene un rotolo recante la scritta TORA. Il suo copricapo è composto da un cerchio centrale e due falci laterali. Sul petto vediamo una croce.

significato “la papessa”

Questa carta rappresenta la forza dell’intuizione e della conoscenza occulta. Il suo potere deriva dalla luna e dall’acqua, la sua saggezza le permette di vedere le cose nascoste e prevedere il futuro.

La Sacerdotessa non agisce a livello materiale, ma al livello più profondo della psiche. È calma e distaccata, sa aspettare il tempo giusto per agire, la sua purezza interiore le permette di non essere contaminata dalle emozioni negative. 

La Papessa sta per le nostre forze inconsapevoli, per la nostra sensibilità, la nostra ricezione e per una certezza spesso inspiegabile, ma profondamente radicata. E’ la chiave verso una verità misteriosa. Lei sa che la verità che noi possiamo pronunciare, non è la verità eterna. Con i suoi lati positivi, esprime la pazienza, la comprensione, l’indulgenza, la bontà e la disponibilità a perdonare;inoltre, in veste di soccorritrice, guaritrice, impiega il potere delle forze inconsce per il bene del prossimo. I suoi lati negativi, invece, corrispondono all’archetipo della strega che usa le sue forze interiori a danno degli altri. Nell’interpretazione dei Tarocchi però è sempre stato evidenziato il suo lato gentile e caritatevole.

Nella vita professionale sta a rivelare che la nostra sfera lavorativa corrisponde ai temi di questa carta, come è il caso del vasto campo della terapia e dell’esoterismo, ma può anche descrivere il comportamento che teniamo nella vita professionale. In conseguenza di ciò, svolgiamo i compiti giornalieri con pazienza, pronti a ricevere nuovi impulsi e stimoli, lasciando “parlare” di volta in volta la voce interiore al momento di prendere decisioni riguardanti la sfera lavorativa. Questo atteggiamento viene vissuto con attenzione, provocando in noi la felice sensazione di essere guidati per mano.

Sul piano della nostra coscienza questa carta sta per un periodo nel quale la nostra attenzione è diretta verso l’inconscio e verso le immagini dell’anima, o ci affidiamo alle fantasie e ai sogni creativi. Può essere anche un periodo in cui ci caliamo nei tesori covati in profondità per sollevare il velo con il quale la Papessa cela il suo sapere segreto, l’antica verità da tempo rinvenuta, che di tanto in tanto deve essere riscoperta. In questo viaggio la nostra mente divisa dualmente fallisce nel differenziare il bene dal male. La saggezza del grembo nasconde il segreto della polarità insita in tutte le cose, la quale ci induce ad osservare il viso della Iside bianca e nera, affascinati ma allo stesso tempo anche terrorizzati, senza avere la certezza se abbiamo a che fare con il bene o con il male, con la forza guaritrice o distruttrice.

Nelle nostre relazioni personali la Papessa mostra soprattutto i lati positivi. Sta per comprensione, profondo affetto, unione e affinità interiore, sensibilità reciproca e soprattutto la certezza che un cordone invisibile ci unisce al partner. Nei periodi in cui siamo soli, questa carta sta a significare che siamo profondamente soddisfatti di vivere così o che abbiamo la pazienza di tenerci pronti e aperti per un nuovo incontro dando ascolto solo alla nostra voce interiore.

al rovescio

 



torna alla lista degli arcani maggiori