Le streghe, da sempre oggetto di mistificazioni, hanno saputo suscitare nell’animo popolare emozioni contrastanti; oggetto di fascino e accesi scandali, l’alone di mistero che circonda queste figure  sopravvive ancora oggi, ma chi sono le streghe?

streghe
streghe secondo l’iconografia, il cappello a punta era usato nel medioevo per identificare gli eretici

Le streghe nel folklore

Per rispondere a questa domanda occorre percorrere a ritroso la storia accedendo a quelle cronache che a noi sono più vicine, non solo dal punto di vista storiografico, ma anche dalla componente geografica, poiché nella tradizione popolare Italiana fino alla fine degli anni ’90, sopravvivevano nella campagne, “culti” o antichi rituali affidati a poche elette di discendenza familiare, che attraverso alcune preghiere, la recita dei salmi e le segnature erano in grado di scacciare il malocchio, guarire dalla mala sorte, curare il fuoco di sant’Antonio, rimuovere il mal di testa o ancora curare la nausea.

Queste povere vecchierelle spesso identificate sotto l’epiteto di “strega”, in realtà erano astute Guaritrici del popolo, che attraverso miracolosi rimedi riuscivano ad accostare il sacro al profano producendo guarigioni miracolose tanto che gli stessi esorcisti cattolici o i dottori laureati in medicina dovettero chiamare “passo” davanti alle guarigioni miracolose prodotte da questo antico sapere, che tuttavia non si trova allineato con tutte quelle tradizioni che oggi definiremmo appartenenti al panorama pagano o neo-pagano ( wicca, druidismo ecc..) o a correnti esoteriche allineate con l’ermetica.

Le streghe del 1600

Quello che più sorprende di questa tradizione popolare è la mancanza di un culto “definito”, che tuttavia trova ampio spazio (con piccole differenze regionali) all’interno della matrice folkloristica Italiana, dove la maggior parte del culti/riti documentati  paiono risalire al ‘600 circa, periodo di forte sconvolgimenti sociali e culturali.

Proprio in questo periodo l’Italia viveva in un forte periodo di recessione economica tanto da subire ampiamente il dominio Spagnolo ,e forse fu proprio all’influsso culturale della spagna che molti riti furono importati in Italia   creando una forma di “santeria” tutta Italiana, dove il culto di Santi, Angeli e preghiere cattoliche mischiato agl’antichi culti Italici  crearono il prototipo definitivo della Stregheria Italiana , il cui embrione nacque dalle crisi europee del 1200 come spiegato nel precedente articolo sulla stregheria.
(il culto degl’angeli fortemente proibito dalla chiesa cattolica, forse è da attribuire alla distorsione di alcune scuole di Qabbalah presenti in spagna )

santeria
nella santeria molti culti sono fusi insieme all’iconografia cattolica

Fate e Streghe

Sebbene il ruolo centrale di queste figure mediterranee, avesse accezione positiva, l’epiteto che esse portavano “streghe”, nasceva da una forma dispregiativa Greca e poi assimilata all’interno del vocabolo latino : Strix.

parche
le 3 parche

Secondo i miti Greco- latini le “Strix” erano uccelli piumati simili ai vampiri o arpie, portatori di sciagura e sventura, nate dalle maledizioni degli dei per atti di cannibalismo o secondo alcuni miti romani, persone consumate dalle maledizioni ma non uccise da esse, destinate a portar sventura a quanti coloro le avessero maledette, figure profondamente diverse dalle “streghe – guaritrici” a cui siamo abituati, probabilmente identificabili nelle “Fate” latine.

Le “Fate”, infatti incarnano e praticano tutti quei valori o riti che spesso attribuiamo alle nostre “Streghe”, spesso confuse con le “Fairies” Anglosassoni (l’equivalente delle nostre Silfidi) per l’assonanza di nomi, le Fate discenderebbero direttamente dalle 3 parche (in latino Fatue da Fato), le 3 tessitrici del destino degli uomini, e perno centrale della cultura Europea…

silfide
silfide o fairye

torna all’indice della stregheria


riferimenti sitografici

0