In Astrologia, le case rappresentano un modo per rendere personale ogni momento del tempo e per riportarlo al livello del pianeta Terra. Esse sono una conseguenza della rotazione del nostro pianeta e nascono dalla divisione del piano dell’eclittica in dodici parti. Nell’Astrologia occidentale esistono diversi sistemi di case che vengono ancora utilizzati, mentre quello più diffuso al momento è il sistema Placidus.

Come nascono
In un giorno, un Ascendente (cuspide della 1a casa) si muove attraverso tutti i segni del cerchio zodiacale. L’Ascendente e il Discendente di ogni carta natale sono definiti dall’alba e dal tramonto, ovvero dai momenti in cui il Sole sorge a est e tramonta a ovest. Per questo motivo una persona avrà il Sole vicino all’Ascendente se è nata all’alba e vicino al Discendente se è nata al tramonto. In generale, il Sole si troverà sopra l’orizzonte e in una delle case superiori se siete nati di giorno, e sotto l’orizzonte se siete nati di notte. Le case sono numerate in senso antiorario a partire dalla cuspide della prima casa e sono sempre proiettate sull’eclittica.

Immaginate
Se vi immaginate al centro del vostro tema natale, vedrete che sopra di voi ci sono i pianeti sopra l’orizzonte. Se avete bisogno di sentire una connessione con l’Universo che potete vedere, guardate il cielo di notte e li vedrete nelle stesse posizioni in cui si trovano nel grafico del momento. L’unica differenza sta nel loro orientamento, poiché il disegno della carta si discosta dal nostro concetto abituale di Oriente e Occidente, ponendo l’Oriente a sinistra e l’Occidente a destra. Purtroppo non sarà possibile vedere le case, poiché si tratta di linee fittizie utilizzate per dividere il cerchio in dodici parti.

Divisione delle case di base
Possiamo usare lo spazio o il tempo come base per la divisione delle case. Esse sono sempre numerate in senso antiorario a partire dalla cuspide della prima casa, e questa cuspide (l’Ascendente) sarà definita dal punto orientale in un momento specifico. Se la nostra divisione è basata sullo spazio, il piano è diviso in archi uguali di 30° ciascuno. Se la base è il tempo, le case sono invarianti, e rappresentano ciascuna 2 ore di movimento apparente del Sole, oppure temporali, quando il giorno e la notte sono divisi in sei parti uguali.

Qualunque sia la loro suddivisione, siamo sempre consapevoli che un intero grafico ha 360 gradi. La cosa importante da ricordare, però, è che tutti i sistemi hanno senso fino a un certo punto. Il sistema Placidus ha dimostrato di essere veramente significativo, in quanto leader nel suo utilizzo, ma questo non significa che non si debbano provare anche altri sistemi e vedere se ci si trova meglio con alcuni di essi.

Sistemi di case uguali
Il sistema segno-casa è uno dei sistemi di case più semplificati ancora in uso. In questo caso, l’Ascendente viene considerato solo per definire il segno ascendente e la prima casa inizia ai gradi zero di questo segno. Ogni segno successivo corrisponde alla casa successiva fino a completare il cerchio. Questo sistema era il principale nella tradizione astrologica ellenistica ed è ancora in uso nell’astrologia vedica.

Anche il sistema delle case uguali divide l’eclittica in dodici parti di 30 gradi, ma la cuspide della prima casa è definita dall’Ascendente o dal punto orientale del sorgere del sole. Questo sistema è oggi utilizzato soprattutto alle latitudini più elevate, in particolare al di sopra dei 60 gradi, dove il sistema placideo è piuttosto distorto. In entrambi questi sistemi, il Medio Cielo o il punto più alto del grafico (MC) non rappresenta una cuspide della 10a casa. Si muove invece intorno a una qualsiasi delle case sopra l’orizzonte.

Sistemi di case a quadranti
I sistemi di case a quadranti dividono le case per quattro punti: Ascendente, Nadir (Imum Coeli), Discendente e Medio Cielo (Medium Coeli). Li chiamiamo gli angoli di ogni oroscopo perché rappresentano case fortemente accentuate in cui ogni pianeta riceve una particolare forza d’influenza nella vita di una persona. Ne citeremo qui solo alcuni, rilevanti per il nostro lavoro o comunemente utilizzati in diversi approcci astrologici odierni.

Porfirio e Regiomontano
Il sistema di case a quadranti più semplice è quello di Porfirio, che divide ogni quadrante dell’eclittica in tre parti uguali. Rappresenta la base per tutti gli altri sistemi di case a quadranti, anche se i loro punti esatti sono calcolati in modo diverso. Se si divide l’equatore celeste in dodici parti e si proiettano queste divisioni sull’eclittica, si ottiene il sistema di Regiomontano. Attualmente è per lo più in disuso, ma è stato un importante predecessore del sistema più utilizzato nell’Astrologia occidentale moderna: il sistema delle case di Placido.

Placido
Il sistema di case Placidus si basa sul movimento di ciascun grado dell’eclittica dal nadir all’orizzonte e dall’orizzonte al Medio Cielo. Il problema principale di questo sistema è alle latitudini più alte, perché alcuni gradi non toccano mai l’orizzonte e i pianeti che vi cadono non possono essere assegnati alle case senza estendere il sistema. Se si crea una carta per qualche lontana città del nord, si vedrà che la distorsione “inghiotte” la carta e rende impossibile l’uso delle case, quando tutto ciò che si ha sono due grandi case e quelle che vi stanno accanto.

Meridiano
Sebbene esistano altri sistemi di case che sono stati importanti in un certo momento della storia, questi sono quelli che saranno rilevanti per il nostro lavoro. Questo elenco non sarebbe completo senza un’entità davvero speciale: il sistema di case meridiano, che divide l’equatore celeste in dodici parti di 30 gradi e le proietta sull’eclittica lungo i grandi cerchi che contengono i poli celesti nord e sud. Anche se probabilmente lo userete raramente, questo sistema di case può davvero essere utile nell’astrologia di trasferimento.

Così come i segni zodiacali hanno una loro qualità/modalità e appartengono a un certo elemento della Natura, anche le case hanno modi di espressione simili.

Le case angolari sono quelle definite dai punti di partenza dei quadranti, vale a dire che si trovano agli angoli dell’oroscopo: 1a, 4a, 7a e 10a casa. Queste case rappresentano l’attività e l’energia per andare avanti e sono in qualche modo collegate alla natura di Marte.

Le case successive sono quelle che seguono quelle angolari, protette da tutti i cambiamenti e dal troppo movimento. Sono strettamente connesse alla stabilità, ricordando molto la qualità del segno fisso. Queste case sono la 2ª, la 5ª, l’8ª e l’11ª.

Le case cadenti sono la 3ª, la 6ª, la 9ª e la 12ª, e sono un po’ complicate, perché sembrano essere antecedenti a ciò che avverrà nella casa angolare successiva. Sono case legate principalmente al processo di apprendimento, ma non dobbiamo trascurare il loro ruolo di base per tutto ciò che viene creato dalle attività svolte successivamente nelle case angolari.

I quattro elementi
Come i segni zodiacali, anche le case appartengono ai quattro elementi della natura. Proprio come i segni corrispondenti, ognuna di esse porta con sé una storia nel suo elemento. Ciò significa praticamente che la prima casa corrisponde al segno dell’Ariete e, in quanto tale, appartiene all’elemento del Fuoco. Lo stesso vale per ogni casa successiva: la seconda casa appartiene all’elemento Terra, la terza all’Aria, la quarta all’Acqua, ecc.

Interpretazione astrologica
Ogni casa del tema natale, o di qualsiasi altro tema, rappresenta lo strumento più personale e terreno da utilizzare in qualsiasi analisi. La casa in sé rappresenta un luogo o un’area in cui si trova un pianeta. Ad esempio, la quarta casa parla di molte cose, ma più letteralmente raffigura la casa di una persona e ciò che vi si trova. Con Venere qui, ad esempio, vedremo cose belle, gioielli, denaro o un amante che ci aspetta a casa.

È importante ricordare che nella maggior parte dei casi, il pianeta parlerà di una persona o di una cosa specifica su cui si concentra l’energia, il segno darà una descrizione chiusa del pianeta e la casa parlerà della posizione dell’area di vita in cui il pianeta si mostrerà o si manifesterà. La prima casa è in un certo senso un’eccezione a questa regola, poiché parla direttamente del corpo fisico della persona in questione. Tuttavia, rimane comunque legata all’elemento Terra in un modo molto più personale che altro, e per lo più non emotivo e concreto.

Il governatore
Le case hanno le cuspidi in diversi segni zodiacali, e questo dà loro un tratto di braccio per essere interpretate ulteriormente attraverso il loro governante. La casa è governata dal pianeta che governa il segno in cui cade. Quindi, per chiarire, se la terza casa cade nel segno della Vergine, cioè la sua cuspide si trova in questo segno, il governatore della casa sarà il governatore della Vergine – Mercurio.

Non è sempre facile definire l’importanza del governatore della casa rispetto alla natura del pianeta stesso e alla natura del segno che governa. Per questo la cosa migliore da fare è tenere presente che le case angolari si manifestano con forza e i loro governanti rappresentano punti di svolta nella vita di ognuno. Ogni altra interpretazione sarà, come ogni cosa, un approccio moderato ed equilibrato che prende in considerazione tutti i fattori nella giusta misura.

“Iscriviti al mio Canale Telegram”
per non perdere il prossimo articolo gratuito

"La Bibbia dei Tarocchi"

...da 0 a cartomante gitana...

scopri subito i segreti dei Tarocchi !

“dopo il successo in USA, ora anche in lingua Italiana
la raccolta più completa sui Tarocchi”

Edizione Bundle
7 Libri in 1

la bibbia dei tarocchi

Edizione Lite
3 libri in 1

tarocchi e arcani mock up

scopri come partire da 0 a conoscere in modo facile e veloce
gli Arcani Maggiori e Minori dei Tarocchi…
Impara gli schemi di lettura più avanzati
con + di 70 modelli da seguire…
Diventa una VERA CARTOMANTE esperta senza Rivali
con la lettura degli Archetipi e i segreti delle Janare Napoletane…
… E molto, molto altro Ancora!

 ottieni subito il nuovo video-corso di
“introduzione ai segreti dell’esoterismo”

del valore di 297€
Gratis!

social

disclaimer

Templum Dianae è un sito di natura Hobbistica – dilettantistica, con il solo scopo di fornire un servizio di intrattenimento, senza l’intenzione di voler fornire consulti e indicazioni di parere medico o finanziario.

Le informazioni all’interno di questo sito sono a solo scopo informativo ed enciclopedico, e potrebbero non rappresentare il pensiero dell’autore.

L’autore declina ogni responsabilità per l’eventuale uso scorretto ed irresponsabile del materiale all’interno del sito.

“Templum Dianae” in all Languager
are all intellectual property of
Giovanni da Rupecisa